1. LO SHIATSU E’ UN MASSAGGIO?

No, lo Shiatsu non è un massaggio. E’possibile dire che lo Shiatsu, nello specifico l’Hadoshiatsu, è un’esperienza di relazione mediata dal tocco. Il tocco, eseguito con tecniche particolari, è connotato da alcune caratteristiche tra cui la gentilezza, I riferimenti culturali sono rivolti all’antica tradizione medica cinese e giapponese, oltre che alle contemporanee ipotesi in ambito biofisico. Si riceve da vestiti (con tuta e calzini) e comodamente disposti su un futon (un sottile materasso disposto a terra).

seduta shiatsu shiatsu trattamento studio buonavita
seduta shiatsu shiatsu trattamento studio buonavita
  1. LO SHIATSU E’ CURATIVO?

I benefici dello shiatsu sul piano sintomatico e della prevenzione sono il frutto, non di un’attività mirata alla cura o alla prevenzione delle patologie, ma di un naturale processo evolutivo connesso al generale miglioramento della vitalità. E’ quindi più opportuno dire che lo Shiatsu sostiene la salute, pur non essendo terapeutico nel senso medico del termine. Personalmente dal mio percorso di cura e di formazione con lo shiatsu ho guadagnato: salute, leggerezza, spensieratezza, spontaneità, vitalità, consapevolezza (…); ho imparato a riconoscere il dolore come forma di espressione del mio essere viva, ho imparato ad ascoltarlo e ho riconosciuto i molteplici linguaggi, e le diverse intensità, con cui si esprime; ho riconosciuto che fisico e psicologico, o fisico ed emotivo, o cognitivo e comportamentale (…) sono suddivisioni che non integrano. Ho fatto esperienza del fatto che per comprendere è utile individuare il molteplice, ma soprattutto sentire l’insieme e la qualità del suo essere integrazione del molteplice.

  1. LO SHIATSU E’ DOLOROSO?

Lo Shiatsu proposto dall’ Istituto Europeo di Firenze, sempre aggiornato e dedito alla ricerca, è caratterizzato da qualità gentili e mai dolorose. La mia formazione tramite questa scuola mi ha permesso di portare nel tocco che offro sul futon espansione e appoggio rilassato. Esistono alcuni modi di proporre lo Shiatsu con riferimenti a tradizioni e formazioni diverse. Lo Zen Shiatsu, detto altresì Iokai Shiatsu, è stato sviluppato da Shizuto Masunaga (1925 – 1981), che per alcuni anni ha lavorato come psicologo per la Nippon Shiatsu School, fondata dal 1940 da Tokujiro Namikoshi. Nel 1955 Il Ministero del Benessere Giapponese riconobbe ufficialmente lo Shiatsu, e nel testo Teoria e Pratica Dello Shiatsu, che il dipartimento medico del Ministero pubblicò nel 1957, lo Shiatsu venne definito come la “tecnica che si riferisce all’uso delle dita e dei palmi delle mani per fare pressioni in determinate sezioni sulla superficie del corpo, con l’obiettivo di correggere disequilibri del corpo, e per mantenere e promuovere la salute; un metodo che contribuisce alla guarigione di malattie specifiche”. Successivamente furono diverse le tecniche di massaggio che si svilupparono, e tra queste, quella che ebbe più risonanza, fu lo Iokai Shiatsu o Zen Shiatsu. Creato negli anni ’70 da Masunaga, che fondò lo Iokai Shiatsu Center in Giappone, riuscì a farsi conoscere al mondo occidentale. Con questo stile, la quantità di pressione applicata agli tsubo e ai meridiani è decisamente più leggera che in altri tipi di Shiatsu. Inoltre, a differenza del massaggio Shiatsu Tradizionale e dell’Agopressione, lo Iokai Shiatsu ha un sistema di riferimenti di più ampio respiro: recupera le tradizioni culturali giapponesi, e le integra con le contemporanee consapevolezze della psicologia e della fisiologia occidentali. La tecnica per entrare in contatto con il ricevente è diversa da quella proposta dal Maestro Namikoshi con lo shiatsu tradizionale. Due delle principali caratteristiche che distinguono questo stile dagli altri sono:

il tocco espanso e perpendicolare sulla superficie del meridiano che viene trattato

il peso del corpo rilassato e distribuito tra le due mani, che permette alla mano di penetrare nel meridiano, senza l’utilizzo della forza.

” In molti esercizi di manipolazione, comprese alcune tecniche di shiatsu, le parti del corpo mancanti di flessibilità sono trattate e allungate con forza, ma un approccio del genere si scontra con la prospettiva olistica della medicina orientale. Quando si tenta di ‘ correggere ‘ lo squilibrio con la forza, non solo c’è una reazione fisica contro la forza, ma il soggetto che riceve sentirà dolore e disagio. La mancanza di flessibilità e le linee di tensione che inibiscono un movimento naturale, derivano da un impedimento del fluire del ki. Quando le zone in cui la circolazione del ki è ostacolata sono liberate, le tensioni si allentano naturalmente. Se lo scopo è di ripristinare l’equilibrio, si dovrebbe lavorare per stimolare l’azione del ki, per farlo scorrere in modo fluido, invece di provare a correggere la struttura fisica.” S. Masunaga, Zen per immagini, pag. 157, Ed. Mediterranee 2002. Inoltre, gli ultimi sviluppi dello Shiatsu che l’Istituto Europeo con sede a Firenze propone ai suoi allievi, si muovono nella direzione di un tocco la cui intenzione è ilminimo stimolo, in accordo con la legge di Weber e Fechner e con le ricerche portate avanti dalla Dott.ssa Stefanini, in collaborazione con il Dr. Emilio del Giudice e con il Gruppo Hado Shiatsu. ” The above concepts account for the well known fact, present in the tradition of many therapeutic approaches that important changes are induced in the organism by very gentle touch and very small stimuli. This fact, which is in agreement with Weber and Fechner law, is the consequence of a quantum interaction based on a phase exchange instead of an energy exchange”. P.StefaniniQuantum Physics sheds some light on Hado Shiatsu. Per cui si tratta di un tocco deciso ma gentile che richiama una forma rilassata di comunicazione – non verbale.

  1. COSA SONO I MERIDIANI?

“L’origine dei fondamenti base della medicina orientale può essere rintracciata nella Cina del secondo e terzo secolo A.C. circa, quando venne descritto un sistema di canali energetici chiamati meridiani, nel Classico di medicina interna dell’Imperatore Giallo (“Acupuncture medicine” di Y. Omura, 1982, Japan Publications, Tokyo, pag. 13). Questa percezione del corpo come un sistema di meridiani, si formò in un momento in cui la religione dominante proibiva qualunque tipo di invasione chirurgica all’interno del corpo umano. Vedendosi negate le procedure che avrebbero rivelato la struttura e le funzioni del corpo umano, i cinesi svilupparono tramite l’osservazione e l’intuito una metafora pratica che descrivesse l’anatomia e la fisiologia del corpo.” (P.Sasaki, Shiatsu, uno sguardo generale)

  1. POSSO RICEVERE SHIATSU IN GRAVIDANZA?

Si. Lo Shiatsu è sicuro a partire dal terzo mese di gravidanza.

  1. QUANTE SEDUTE E’ POSSIBILE FARE?

Generalmente al termine della prima seduta, dopo un di feedback sulla fase di trattamento, è possibile stabilire con quali modalità e tempi intraprendere un percorso continuativo attraverso sedute successive. La scelta dello Shiatsu per prendersi cura di sé, rappresenta un valido modo per sostenere la propria salute, insieme ad una dieta bilanciata. ” La dieta è la fonte prima della buona salute perché il nutrimento alimenta la vita.( … ) Tuttavia perché l’organismo possa trarre beneficio da una dieta blanciata è importante che il cibo venga assunto in condizioni di tranquillità. Il rilassamento permette la buona digestione. Il modo in cui mangiamo e digeriamo è influenzato in forte misura dall’ambiente sociale in cui viviamo. Quindi la nostra salute dipende in gran parte dai rapporti umani che intratteniamo o li riflette.(… ). Lo Shiatsu può rappresentare un mezzo per stabilire rapporti umani migliori, che sono essenziali per la buona salute. Quando siamo sani il nostro organismo reagisce in modo positivo naturale.” S. MasunagaZen Shiatsu, pp.17-19, Ed. Mediterranee 2010. Lo Shiatsu può quindi essere un’esperienza, la scelta di un periodo o di tutta una vita.

  1. POSSO RICEVERE SHIATSU SE SONO ANZIANO?

Certo. Tuttavia è importante che il praticante sia qualificato. E’ consigliabile informare il praticante sulle eventuali patologie, per dargli modo di lavorare al meglio.

Per fissare un appuntamento: Valentina Ponti tel. 3349632698 oppure seduteshiatsu@gmail.com

Perché scegliere lo Studio Buonavita a Pisa e Piombino?

  • Orari flessibili in base alle esigenze personali
  • Ambiente raccolto e rilassante
  • Lezioni con massimo 3 persone, per garantire efficacia nell’insegnamento
  • Obiettivi e percorsi personalizzati